News

Che differenza c’è tra cuffie aperte e cuffie chiuse?

Tempo di Lettura: 3 minuti

Cuffie sulla tastiera

Cuffie aperte e chiuse: differenze, caratteristiche e come scegliere quelle più adatte alle nostre esigenze di ascolto.

Non tutte le cuffie sono uguali. Ci sono alcune differenze chiave tra cuffie aperte e chiuse. Per esempio, le
cuffie aperte tendono a diffondere più suono, il che potrebbe non essere ideale in situazioni in cui è necessario essere silenziosi. Inoltre, le cuffie aperte spesso forniscono uno scenario sonoro più ampio, dando un’esperienza di ascolto più immersiva. Le cuffie chiuse, d’altra parte, sono migliori nel bloccare il rumore esterno e sono quindi più adatte per l’utilizzo in situazioni caotiche. Produrranno anche un suono più focalizzato, rendendole ideali per ascoltare musica o guardare video sul computer.

Cuffie aperte o chiuse: altre differenze

Come abbiamo accennato, le cuffie chiuse sono preferibili per tenere fuori il rumore esterno, rendendole
ideali per l’uso in ambienti rumorosi. Hanno anche il vantaggio di produrre una maggiore quantità di bassi, rendendole una buona scelta per ascoltare musica o guardare film.

ragazza smartphon cuffie ascoltare musica
ragazza smartphon cuffie ascoltare musica

Le cuffie aperte, al contrario, sono più comode e consentono di sentire meglio i rumori circostanti. Questo le rende una buona scelta per le persone che vogliono essere in grado di sentire ciò che succede intorno a loro mentre ascoltano musica.

I benefici delle cuffie aperte

I vantaggi dell’uso di cuffie aperte sono numerosi, tra cui un migliore suono e maggiore comfort. Le cuffie aperte consentono di sentire meglio i propri ambienti, il che è perfetto quando si ha bisogno di essere consapevoli di ciò che ci circonda. Inoltre forniscono un suono più naturale, rendendole una scelta popolare tra gli audiofili.

I benefici delle cuffie chiuse

Le cuffie con coperture chiuse sono cuffie che hanno una custodia attorno ai padiglioni auricolari. Questa
custodia aiuta a creare un sigillo più stretto intorno all’orecchio, che a sua volta blocca il rumore
esterno. Questo è benefico per due motivi. Primo, permette di sentire meglio l’audio che viene riprodotto
tramite le cuffie. Secondo, aiuta a creare un’esperienza di ascolto più immersiva, limitando le distrazioni.

Ci sono diversi tipi di cuffie con coperture chiuse, ma il più comune è quello che riguarda le cuffie overear. Questo genere di cuffie ricopre completamente le orecchie. Le cuffie on-ear, che si appoggiano sulla testa, non creano un sigillo così stretto, ma sono comunque migliori nel bloccare il rumore
esterno rispetto alle cuffie aperte.

Cuffie sulla tastiera
Cuffie sulla tastiera

Se sei una persona che ama ascoltare musica o guardare film sul computer o su un dispositivo portatile, le cuffie con coperture chiuse sono una buona opzione da considerare. Aiuteranno a migliorare la qualità dell’audio che stai ascoltando, e ti aiuteranno a sopprimere qualsiasi rumore esterno.

Come scegliere le cuffie giuste per te

Ci sono una varietà di fattori da considerare quando si sceglie un paio di auricolari, tra cui la vestibilità, la
qualità audio e lo scopo. Il primo step nella scelta degli auricolari è quello di determinare di quale tipo di
auricolari hai bisogno. Ci sono tre tipi di cuffie di base, come abbiamo visto: in-ear, on-ear, e over-ear.

Gli auricolari in-ear sono quelli che si inseriscono nel canale uditivo. Le cuffie on-ear sono quelle che si appoggiano sulla parte superiore dell’orecchio, mentre le cuffie over-ear, circumaurali, avvolgono l’orecchio. Bisogna quindi considerare quale possa esserti più comodo.

Il secondo step è quello di considerare la qualità audio. C’è una varietà di fattori che influenzano la qualità audio, tra cui il tipo di auricolare, le dimensioni del driver e la risposta in frequenza. In generale, gli auricolari circumaurali forniscono la migliore qualità audio, seguiti dagli auricolari on-ear, e quindi dagli auricolari in-ear.

Il terzo step da considerare è la vestibilità. Le cuffie che non si adattano bene possono essere scomode e causare danni all’udito. Gli auricolari in-ear ono quelli che generalmente si adattano meglio, seguiti dagli auricolari on-ear, e quindi dagli auricolari circumaurali. Una volta che avrai considerato questi fattori, potrai selezionare gli auricolari che fanno per te.

Cuffie migliori per ascoltare la musica

Quali sono i migliori auricolari per ascoltare musica? Non c’è una risposta universale a questa domanda, in quanto diverse persone hanno differenti preferenze in fatto di auricolari. Tuttavia, alcune cuffie sono
senz’altro migliori per ascoltare musica rispetto ad altre. Per esempio, gli auricolari chiusi generalmente
offrono una qualità audio migliore rispetto a quelli aperti, perché isolano meglio il suono dal mondo esterno, evitando che si diffonda.

Questo è importante per gli amanti della musica che vogliono perdersi nella propria musica senza esserne distratti. Inoltre, le cuffie che avvolgono completamente l’orecchio sono solitamente migliori per la musica rispetto a quelle che si applicano in modo non stretto, perché creano un migliore sigillo acustico e impediscono al suono di uscire.

Infine, è importante considerare il tipo di musica che si ascolta quando si scelgono gli auricolari. Se si ascolta prevalentemente musica classica, è necessario che le cuffie abbiano una risposta in frequenza piatta per garantire che tutti i toni vengano riprodotti accuratamente. Se invece si ascolta principalmente musica con forti bassi è necessario che gli auricolari abbiano una buona risposta su determinate frequenze.

Detto questo, sono cinque le cuffie che riteniamo di poter consigliare per gli amanti della musica, seppur tutte con differenti caratteristiche e prezzi: Sennheiser HD 650; Sony MDR-7506; Audio-Technica ATH-M50x; Bose QuietComfort 25; Shure SRH440.

 12 Visualizzazioni