News

Chi è Alessandro Gariazzo, uno dei migliori bluesman in Italia

Tempo di Lettura: 2 minuti

chitarra Stratocaster

Alessandro Gariazzo: la carriera, la vita privata e tutte le curiosità su un talentuoso chitarrista blues e turnista italiano.

Suonare blues in Italia non è mai stato di moda. Eppure, di bluesman di grande talento nel nostro Paese ne abbiamo avuti e ne abbiamo ancora molti. Da Pino Daniele a Fabio Treves, senza dimenticare il più giovane Alessandro Gariazzo. Andiamo a scoprire alcune curiosità sulla sua carriera e la sua vita privata.

Chi è Alessandro Gariazzo: biografia e carriera

Alessandro Gariazzo è nato a Biella il 25 maggio 1972 sotto il segno dei Gemelli. Chitarrista e cantante autodidatta, ha perfezionato la sua tecnica grazie alle lezioni del maestro Beppe Gambetta, per poi frequentare diversi seminari importanti di jazz e blues con chitarristi come Bill Frisell e Carl Verheyen.

chitarra Stratocaster
Chitarra Stratocaster

Nel 1995 entra come cantante e chitarrista nella storica Treves Blues Band, gruppo dell’armonicista Fabio Treves, con cui registra cinque album e si esibisce in concerto sia in Italia che all’estero, dividendo il palco con alcuni degli artisti più importanti di tutti i tempi, tra cui John Mayall e gli ZZ Top.

Sempre con la TBB ha aperto concerti per leggende come i Deep Purple o Bruce Springsteen (quest’ultimo addirittura al Circo Massimo). Cosa fa oggi Gariazzo? Tra le sue tante attività, anche come divulgatore di musica in tv, collabora saltuariamente con nomi importanti della musica italiana come Mauro Pagani, Saturnino, Rocco Tanica, Meg, Dolcenera, Omar Pedrini, Eugenio Finardi, i Negrita, e così via.

Leggi anche -> Omar Pedrini, la rockstar degli eccessi

La vita privata di Alessandro Gariazzo

Non conosciamo alcun dettaglio sulla sua vita privata e sentimentale.

Sai che…

– Tra le sue principali influenze ricordiamo i classici Jimi Hendrix, Stevie Ray Vaughan, Eric Clapton, B.B. King, Jeff Beck, ma anche artisti più vicini al mondo rock duro e puro, come Jerry Garcia o Derek Trucks, folkman come James Taylor o Neil Young o innovatori come Tommy Emmanuel e Jorma Kaukonen. Ma non vanno dimenticati i Beatles.

– Ha potuto dividere il palco con artisti come Buddy Guy, Charlie Musselwhite, i Blues Brothers e John. P Hammond.

– Come turnista ha suonato in album anche di idoli dei più giovani, come Benji e Fede o Irama.

 16 Visualizzazioni