News

Morte Taylor Hawkins: da Elton John ai Coldplay, tutti gli omaggi dal vivo per il batterista

Tempo di Lettura: 2 minuti

Elton John

Dopo la morte di Taylor Hawkins, sono stati molti gli omaggi dal vivo al grande batterista: da Elton John ai Coldplay, chi lo ha ricordato.

Il mondo della musica internazionale, e in particolare la grande famiglia del rock, continua a piangere per la scomparsa di Taylor Hawkins. Il batterista dei Foo Fighters si è spento improvvisamente a 50 anni lo scorso 25 marzo. Il suo cuore ha smesso di battere mentre era in una camera d’albergo a Bogotà, alla vigilia di un concerto con la sua band. Un decesso che ha sconvolto davvero tutti.

Non a caso, sono stati tantissimi gli artisti, non solo appartenenti al mondo del rock, che nel corso del weekend hanno voluto rendere omaggio alla sua memoria e al suo talento durante le loro esibizioni dal vivo. Molti concerti si sono trasformati, almeno per qualche minuto, in un memorial a distanza per un artista che è riuscito in pochi anni a entrare nel cuore di tutti noi.

Morte Taylor Hawkins: gli omaggi al grande batterista

Una notizia così dolorosa non poteva non portare a una pronta reazione da parte di tantissimi artisti che avevano avuto la possibilità di conoscere il batterista, sia sul lavoro che al di là del contesto artistico. La dimostrazione di quanto amore fosse riuscito a guadagnare è stata data anche dai tanti omaggi che si sono sprecati durante i concerti dell’ultimo fine settimana.

batteria
batteria

Se l’ex Oasis Liam Gallagher ha voluto dedicargli una versione di un classico della band inglese, Live Forever, dalla Royal Albert Hall di Londra, gli Stereophonics hanno scelto di rendergli omaggio suonando una cover di Best of You, grande successo del 2005 dei Foos.

In chiusura di un suo concerto a Glasgow, l’artista britannico Sam Fender ha voluto ricordarlo cantando un altro successo della band di Dave Grohl, My Hero, commuovendo tutti i presenti mentre sugli schermi veniva proiettato un ritratto del mitico Taylor. Ma anche un cantante di un’altra generazione, sir Elton John, non si è tirato indietro e ha reso omaggio, durante un suo concerto a Fargo, in Iowa, all’amato batterista, dedicandogli Don’t Let the Sun Go Down on Me e aggiungendo: “Mi ha scioccato leggere della sua morte. Ha suonato nel mio disco Lockdown Session e lo ricordo come una delle persone più simpatiche che si potessero mai incontrare, oltre che un grandissimo batterista e un vero musicista“.

Da Slash ai Coldplay: gli altri omaggi a Taylor Hawkins

Anche Slash, chitarrista storico dei Guns N’ Roses, ha ricordato l’amico Taylor durante una sua esibizione con Myles Kennedy all’Hard Rock Live di Orlando: “Era un gran bravo ragazzo, un teso, un buon amico e un batterista coi controco**ioni“.

Emozionante l’omaggio anche di Wolfgang van Halen, figlio del leggendario Eddie, che con i suoi Mammoth ha cantato My Hero, sottolineando come Taylor sia stato per tante persone un vero eroe. Un eroe senza confini di genere, amato anche da musicisti che nel corso della loro carriera hanno solo sfiorato il mondo del rock, come i Coldplay. Durante un concerto in Messico, la band di Chris Martin ha voluto dedicare al batterista Everglow, dichiarando: “Abbiamo saputo che un nostro amico, che suonava in una grande band, i Foo Fighters, è morto. Non sappiamo cosa dire o fare, perché si tratta di un amico che amiamo moltissimo e sentiamo di dover rivolgere i nostri pensieri ai Foos. Conoscevamo Taylor, il batterista: era una persona bellissima“.

 60 Visualizzazioni