News

“Non volevo andare al funerale”: la drammatica confessione di Valerio Scanu

Tempo di Lettura: 2 minuti

Valerio Scanu

Valerio Scanu parla della morte del padre e si lascia andare a una drammatica confessione: le dichiarazioni del cantante.

Certi dolori non ti abbandonano mai, anche a distanza di mesi. Lo sa bene Valerio Scanu, ex vicnitore del Festival di Sanremo. Il cantante sardo è tornato a parlare della scomparsa del padre, avvenuta quasi un anno fa dopo un mese di positività al Covid. Un dolore incredibile che è ancora fortissimo, quasi insopportabile. Anche perché in quei giorni è accaduto qualcosa di davvero tremendo. Ecco la confessione dell’artista ai microfoni di Oggi è un altro giorno.

Valerio Scanu
Valerio Scanu

Valerio Scanu parla del padre scomparso un anno fa

Aveva solo 64 anni il papà di Valerio Scanu quando è venuto a mancare, nel dicembre 2020. A quasi un anno di distanza, il cantante lo ha ricordato ai microfoni di Serena Bortone. Con gli occhi lucidi, ha ripercorso con la mente quei momenti tremendi, in cui tutto sembrava assurdo. Il padre infatti non sembrava in condizioni così preoccupanti in una fase iniziale. Ma poi, a causa del Covid, in pochi giorni la situazione si è fatta drammatica.

Un vero calvario quello vissuto da Scanu, che ha dovuto vedere il padre intubato per quasi un mese. Racconta l’artista: “I parametri erano buoni, ma i polmoni zero. Gli risposi che papà all’improvviso avrebbe dato una sterzata e sarebbe migliorato. Quella notte mi svegliai a mezzanotte e mezza e mi sono riaddormentato. Squilla il telefono a mezzanotte e cinquanta e mi dicono ‘Valerio, papà è in arresto’. Gli dicevo come faccio…“. E alla fine ha dovuto fare tutto la madre, è stata lei a sostenere il figlio in quei momenti difficili in cui tutto sembrava assurdo.

Valerio Scanu e il funerale del padre

Parole cariche di dolore quelle di Valerio, che fatica ancora a ricordare i momenti difficilissimi di quel tremendo dicembre che non potrà mai dimenticare. In un’intervista a Today, l’artista ha tra l’altro svelato un altro dettaglio del periodo più difficile della sua vita, confessando che non avrebbe voluto partecipare al funerale di papà: “Una volta lì mia madre mi ha chiesto di salire al cimitero, ma non ce la facevo. Non volevo vedere quella scena che poi ho visto: questo copribara con una stella di Natale e sentire lei che mentre lo chiudevano gli augurava buon Natale. È stata una pugnalata“.

 82 Visualizzazioni