News

Bryan Adams: “Il Coronavirus è colpa di un maledetto mangia pipistrelli”

Tempo di Lettura: 2 minuti

Nelly Furtado e Bryan Adams

Bryan Adams torna a parlare del Coronavirus e attacca chi mangia carne, per poi scusarsi dopo aver ricevuto numerose critiche.

Pioggia di critiche su Bryan Adams! La 60enne rockstar canadese ha pubblicato in questi giorni un video su Instagram in cui si sfoga per il Coronavirus.

Secondo l’artista il mondo è in pausa per colpa di un “maledetto mangia pipistrelli“. Una tesi che ha fatto piovere numerose critiche sul suo profilo, tanto da costringerlo a chiedere scusa nelle ultime ore.

Coronavirus, Bryan Adams si sfoga sui social

In questa settimana l’artista canadese avrebbe dovuto esibirsi in concerto a Londra, ma purtroppo tutto è saltato a causa dell’emergenza Coronavirus. Proprio per questo si è lasciato andare in un video sui social, sfogandosi contro chi ha dato il via a questa pandemia:

Grazie a un maledetto mangia pipistrelli, venditore di animali in un wet market, creatore di virus, tutto il mondo è in pausa!“.

Parole forti che sono state seguite da un accorato invito a diventare vegani. Ma non tutti hanno apprezzato, anche tra i suoi fan, e sono presto piovute critiche di ogni genere. In particolare, in molti lo hanno additato razzista!

Ecco il suo post:

View this post on Instagram

CUTS LIKE A KNIFE. A song by me. Tonight was supposed to be the beginning of a tenancy of gigs at the @royalalberthall, but thanks to some fucking bat eating, wet market animal selling, virus making greedy bastards, the whole world is now on hold, not to mention the thousands that have suffered or died from this virus. My message to them other than “thanks a fucking lot” is go vegan. To all the people missing out on our shows, I wish I could be there more than you know. It’s been great hanging out in isolation with my children and family, but I miss my other family, my band, my crew and my fans. Take care of yourselves and hope we can get the show on the road again soon. I’ll be performing a snippet from each album we were supposed to perform for the next few days. X❤ #songsfromisolation #covid_19 #banwetmarkets #selfisolation #bryanadamscutslikeaknife #govegan?

A post shared by Bryan Adams (@bryanadams) on

Bryan Adams chiede scusa per il suo sfogo

Tanto tuonò che piovve. Lo sfogo di Bryan ha fatto molto più rumore di quanto ci si aspettasse, e così il cantautore di Please Forgive Me ha provato a correre i ripari, pubblicando un nuovo post per chiedere scusa a chi si è sentito offeso.

Queste le sue parole: “Mi scuso con chiunque si sia sentito offeso per il post. Non ho scusanti, volevo solo scagliare la mia ira sull’orribile crudeltà che gli animali subiscono nei wet market e promuovere il veganesimo“.

Non c’è dunque razzismo in lui, come sottolineato dallo stesso artista: “Amo tutte le persone e i miei pensieri sono con quelli che stanno combattendo con questa pandemia in tutto il mondo“. Tutto bene quel che finisce bene.

Nelly Furtado e Bryan Adams
Nelly Furtado e Bryan Adams

Da: Rolling Stone

 750 Visualizzazioni