News

Sia parla della sua malattia: “Il dolore è demoralizzante”

Tempo di Lettura: 2 minuti

La cantante australiana Sia ha rivelato di avere una malattia neurologica cronica e un disturbo genetico.

Sia ha parlato della malattia neurologica cronica e del disturbo genetico di cui soffre da diverso tempo. Una rivelazione importante che ha acceso i fari su una problematica di cui poco si è discusso.

Ecco le dichiarazioni di Sia sul suo male, la sindrome di Ehlers-Danlos.

Sia è malata: le dichiarazioni della cantante

Sia, come altre star, combatte la propria battaglia personale: la cantante australiana si è appena unita alle fila di stelle che hanno parlato dei loro problemi di salute. In particolare, l’artista ha rivelato di soffrire di dolore cronico, una malattia neurologica del gruppo di sindromi genetiche conosciute come Ehlers-Danlos.

Ecco cosa ha rivelato Sia in merito al suo disturbo in un post su Twitter:

Hey, I'm suffering with chronic pain, a neurological disease, ehlers danlos and I just wanted to say to those of you suffering from pain, whether physical or emotional, I love you, keep going. Life is fucking hard. Pain is demoralizing, and you're not alone.

— sia (@Sia) October 4, 2019

Questa la traduzione del suo tweet, che ha fatto preoccupare tutti i suoi fan: “Ehi, sto soffrendo di dolore cronico, una malattia neurologica, chiamata Ehlers Danlos e volevo solo dire a quelli di voi che soffrono di dolore, sia fisico che emotivo, vi amo, andate avanti. Il dolore è demoralizzante e non siete soli“.

Cos’è l’Enlers-Danlos?

L’Ehlers-Danlos è una sindrome che indebolisce i tessuti genetici del corpo, causando sintomi che possono includere articolazioni allentate e dolori articolari, pelle più elastica del normale e cicatrici anomale.

Può portare a complicazioni come lussazioni articolari, scoliosi, dolore cronico e osteoartrite precoce. Coloro che hanno l’Ehlers-Danlos si definiscono “zebre“. Secondo l’Ehlers-Danlos Support UK, ciò è dovuto all’espressione medica, “quando senti il ​​suono degli zoccoli, pensi ai cavalli, non alle zebre“.

Spesso, però, coloro che hanno varie sindromi spesso passano molto tempo senza ricevere una diagnosi, poiché le condizioni ad esse associate sono molto rare e difficili da classificare.

Sia
FONTE FOTO: Facebook.com/SiaMusic/

FONTE FOTO: Facebook.com/SiaMusic/

Da: Rolling Stone

 584 Visualizzazioni